blog di don.massimo

OH GLORIOSO SAN GERARDO…

Durante il lavoro di riordino dell’Archivio storico, un bel giorno suor Rosina mi consegna una piccola busta ingiallita con una scritta calligrafica del tempo riemersa miracolosamente dal passato. Lo prendo come un segno. E’ una supplica a San Gerardo. La apro incuriosito. Ci sono due testi, due scritture diverse. Un sobrio ed austero cartoncino della grandezza di un biglietto da visita ed una vecchia lettera ingiallita, scritta su tre delle facciate ben ripiegate. Odorano di antico. Entrambe sono anonime. Eccone il contenuto. Mentre leggo, lascio che la mia fantasia immagini le persone che avrebbero potuto stendere quelle parole. Immagino la carta, la penna, il calamaio…la sabbia asciuga inchiostro…
Mi concentro sul biglietto.

«A te, o glorioso S. Gerardo accetta questo tenero mio obolo affinché tu abbia a stendere su me e su tutti i miei affari e lavori la tua copiosa benedizione e farmi la grazia di far crescere il figlio mio, buono, studioso e protettore dei poveri come da tuo esempio»

Mi rammarico di non vedere una firma, né una data. Ma passando alla lettera, più sdrucita e ingiallita, sorrido vedendo l’intestazione. In quell’anno festeggiarono enormemente San Gerardo volendo mettere sotto la sua protezione il nuovo secolo appena iniziato. Mi soffermo sulla intestazione.

Monza 22  Supplica ottobre 1901

Pagine

Abbonamento a Feed RSS - blog di don.massimo