Chi sono io per te?

Il Figlio dell’uomo dovrà soffrire molto…

L’abbiamo visto ieri. Il Re è spaventato. Chi è questo Nazareno? Sarà mica il Battista risorto? Sarà mica Elia tornato col suo cocchio di fuoco? Ma su, siamo seri. I morti non ritornano!

Eppure, il terrore popola le sue notti insonni. Sembra che aleggi un fantasma attorno a lui, che dal deserto si intrufola nella sua camera regale. E lo tormenta.

Ma i profeti si possono ammazzare. La profezia è eterna. Perché la Parola è eterna. Troverai sempre qualcuno che sa interpretarla.

Ecco io ritengo che anche oggi molti si pongano domande riguardo all’identità di Gesù: ma non hanno il coraggio di dare una risposta decisa. Non concedono il beneficio che quest’uomo dica la verità, anzi: sia la Verità!

Ancora oggi molti parlano di Gesù: forse troppi. Io non riesco a stare dietro a tutte le pubblicazioni che escono. A volte mi danno la nausea. Più si scrive e meno si ascolta. Più si legge, e più ci si crea teorie.

Ma dopo duemila anni la domanda è sempre quelle e unica: Io, chi sono per te? Gesù lo chiede ai suoi discepoli e a noi: lascia stare ciò che pensano gli altri. Chi sono io per te? Cosa dici di me?

Dai! Proviamo a rispondere, seriamente. E io, cosa penso di Gesù? Chi è per me il Signore? Però non devo dare una risposta preconfezionata, da primo della classe. Gesù risponde con un segreto, il segreto messianico. Chiede di non sciuparlo, di non andarlo a dire a nessuno. Severamente lo impone. Nessuna scorciatoia. Vuole che ciascuno arrivi lì personalmente a riconoscerlo come il suo Signore, ai piedi della Croce.

Don Massimo

Don Massimo

Parroco della Parrocchia di San Gerardo al Corpo

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Ultimi post