Favoritismi

Maria cerca di vedere Gesù

“Io ho quattro figli e per me sono tutti uguali”: ho sempre sentito mia madre rispondere così ad amici e parenti che la elogiavano per avere un figlio, parroco e prevosto, addirittura “monsignore”! E lo pensava davvero. Anche se ho sempre avuto il sospetto che un occhio di “favore” spirituale l’abbia soprattutto per me…

È un tema interessante che emerge dal Vangelo di oggi. Per Gesù l’amore per i genitori e i parenti è sacrosanto. Figurarsi…la torah parla chiaro! Quindi non possiamo immaginarci un atteggiamento maleducato o sfrontato di Gesù nei confronti della sua famiglia.

Sta di fatto però che la fama delle sue stranezze e del clima di ostilità nei suoi confronti si diffondesse. E forse il desiderio di informazione e di protezione ha spinto i suoi parenti ad avvicinare Gesù, a cercarlo. C’è da ipotizzare anche una forza di dissuasione nei suoi confronti, magari lo volevano di nuovo in carpenteria che senza di lui, non era più la stessa…

O forse, ipotesi peggiore, i suoi cugini (i suoi “fratelli”) covavano segretamente in cuor loro di potersi avvantaggiare della fama di quel Rabbi, che poteva trasformarsi – se ben consigliato – in una “gallina dalle uova d’oro”! È inutile però lasciarsi fuorviare da ipotesi o addirittura forzature.

Semplicemente Gesù dichiara che l’ascolto della Parola e quindi l’appartenenza a coloro che credono al Regno di Dio vale molto di più di ogni vincolo, anche filiale, anche di sangue. Niente favoritismi. Forse i cugini, no… ma la Madre lo sapeva certamente. Fin da subito. “Quel Figlio non era per me!” – dice un famoso canto.

Immagine: Maria cerca di vedere Gesù

Don Massimo

Don Massimo

Parroco della Parrocchia di San Gerardo al Corpo

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Ultimi post