Genealogia

genealogia

Oggi inizia per la liturgia di Avvento una specie di conto alla rovescia, le ferie prenatalizie. Pochi giorni prima del Natale, cioè del mistero di un Dio che si rende presente, che viene in mezzo a noi, che si rende accessibile siamo invitati a ripercorrere un cammino. Dio ha bisogno di nascere nei nostri cuori e noi abbiamo bisogno di Lui, perché ogni Natale si rinnovi in noi e nella nostra vita. Si cambia. Natale in un cambiamento di epoca. Soprattutto di questi tempi possiamo ben dire che non siamo le stesse persone di un anno fa!

Così la liturgia si concentra sull’essenziale, volge lo sguardo indietro per trovare le tracce della promessa di Dio. Ricordo che da piccolo mi affascinava l’idea di ricostruire il mio albero genealogico ma non come fanno molti a pagamento per velleità pseudo-nobiliari… ma per curiosità. E andavo da mamma, da papà, dal nonno per tentare di ricostruire. Carta e penna, partiva la mia intervista. E rimanevo un poco male se si riusciva a malapena ad arrivare all’indietro a metà dell’800!!!

Matteo fa un po’ la stessa cosa per sottolineare la volontà salvifica di Dio che approda alla decisione di farsi uomo. Diversamente da Luca che riesce ad arrivare fino ad Adamo (mah!), Matteo ci fa capire che la sua è una ricostruzione più teologica che storica. Fa risalire il tutto ad Abramo, nostro padre nella fede. E mi piace perché non è un puritano e lascia che fra questo indecifrabile numero di uomini (più simbolico che preciso) ci siano eventi e persone non sempre esemplari, vicende complesse e poco morali. Eppure, attraverso questi volti la promessa del Messia si realizza.

Come non sentirci anche noi dentro questo albero, piccoli rami capaci però di trasmettere vita. Sì, siamo peccatori, piccini e meschini talvolta, piuttosto mediocri eppure se orientiamo la nostra piccola vita verso l’attesa saremo canali di grazia anche noi. Piccoli anelli di una catena preziosa agli occhi di Dio che ad un certo punto si integra, consapevoli che anche noi, cercatori di verità come Abramo, attraverso Gesù che nasce, possiamo raggiungere ogni persona.

Don Massimo

Don Massimo

Parroco della Parrocchia di San Gerardo al Corpo

I SACRAMENTI SPIEGATI AI BAMBINI

Itinerario di formazione per futuri catechisti e catechiste

QUANDO?

I primi sette sabati del mese dalle 9 alle 10.30

DOVE?

Nel bar dell’Oratorio

COME?

Dopo una colazione insieme ci dedicheremo al laboratorio formativo

PERCHE’?

Perché ami Gesù e i più piccoli