Cerca
Close this search box.

Ministri Laici

Ministri straordinari dell'Eucaristia

Si tratta di persone, opportunamente preparate sotto il profilo spirituale e pastorale che hanno assunto l’impegno di aiutare i Sacerdoti a portare la santa Comunione agli infermi e agli anziani che non possono partecipare alla Messa, nella distribuzione dell’eucaristia.

Nella nostra comunità parrocchiale i Ministri straordinari dell’Eucaristia sono una decina di laici, oltre alle Suore Preziosine.

II documento fondamentale che detta le disposizioni della Chiesa circa il ministero straordinario della Comunione eucaristica è l’Istruzione Immensae caritatis della Sacra Congregazione per la Disciplina dei sacramenti del 29 gennaio 1973.
Il nuovo Codice di Diritto Canonico, entrato in vigore nel 1983, circa la figura del Ministro, ha recepito le norme stabilite dalla Istruzione Immensa caritatis eda un documento di Paolo VI: il Motu proprio Ministeria quondam (15 agosto 1972).
In conclusione, la normativa canonica stabilisce che i fedeli laici possono esercitare legittimamente il ministero soltanto in supplenza dei ministri ordinari.
A proposito dei Ministri, è opportuno ricordare questo passaggio:
Conviene che coloro i quali non possono essere presenti alla celebrazione eucaristica della comunità, siano con premura nutriti con l’Eucaristia e in tal modo si sentano uniti alla medesima comunità e sostenuti dall’amore dei fratelli. I pastori d’anime curino che agli infermi e agli anziani, se pur non gravemente ammalati o in pericolo di morte, sia data di frequente, anzi possibilmente ogni giorno, soprattutto durante il tempo pasquale, la possibilità di ricevere l’Eucaristia: il che potrà avvenire a qualsiasi ora (n. 40).
La Chiesa vuole che tutti i fedeli possano facilmente accostarsi alla santa Comunione, sia quando non possono essere presenti alla celebrazione eucaristica perché infermi o anziani, sia quando vi partecipano, ma la distribuzione della Comunione eucaristica da parte del celebrante, richiede l’aiuto di Ministri.

Ministri al sepolcro

Da metà settembre 2008 a Monza esiste il nuovo ministero laicale denominato dei “Ministri al Sepolcro”, per cui una ventina di persone, donne e uomini, provenienti dalle parrocchie cittadine, offre la disponibilità, secondo un turno stabilito, ad accompagnare i defunti alla sepoltura presso il cimitero cittadino di via Foscolo.

Se da un lato ciò può essere letto come necessità di supplire alla carenza di sacerdoti, dall’altro è innegabile che si apre una nuova opportunità d’impegno per i laici.

Il compito dei “Ministri al Sepolcro” consiste nel guidare la preghiera durante il tragitto del corteo fino al sepolcro; all’arrivo del feretro, si presentano come ministri “ufficiali” del Decanato, leggono l’orazione prescritta e propongono la recita del Rosario, preghiera sempre attuale nella sua semplicità e conosciuta da tutti, intervallando un Salmo tra un Mistero e l’altro.

Al momento della tumulazione concludono con un’altra orazione e il Segno della Croce.

Questo è un servizio che si configura come l’ultima delle sette Opere di Misericordia corporale.

Iscriviti al Pranzo di San Giovanni Bosco

Lascia i tuoi dati e quante porzioni desideri per prenotare il posto a tavola, il menù di questa giornata prevede:

-Polenta con le Salamelle
-Patatine fritte!

Il contributo per il pranzo è di 6€ a persona / porzione, le prenotazioni chiuderanno Giovedì 25